Questo sito è stato creato da Contacta Group

logo-contacta-footer-nero
e7d4c0_d8b4d8b03bed42e6bbd3c8b91fa6be41~mv2
e7c5d3_3babc5c384f2482c9c0250607adbfc55~mv2

Hotel Bruman Salerno

2Tavoladisegno1

Piazza Vittorio Veneto, 30 – 84123 Salerno
tel: (+39)  351 5781042(+39) 089 9951799
info@hotelbrumansalerno.it

Luoghi


facebook
instagram

Salerno e la Campania, emozioni da visitare

P.IVA 03915120616

Privacy Policy | Condizioni d'uso del sito e trattamento dati | Cookie Policy
2019 © Hotel Bruman Salerno

Powered by Contacta Group

e7d4c0_346aafe4dee84f74ab1cfeec82a59181~mv2
e7d4c0_da96d482a48945dba8c08e78ac7affa5~mv2

Buona Pasqua!

Castello d’Arechi

Duomo di Salerno

Castello medievale che si erge a 300 metri sul livello del mare. Sito di importanza storica da cui poter ammirare, oltretutto, un panorama unico.

Caratterizzata dallo stile romanico, la cattedrale venne edificata tra il 1080 e il 1085. Di notevole fattura è il maestoso campanile arabo-normanno, alto 52 metri e divenuto una delle icone della città. All’interno della cripta sono deposte le reliquie di San Matteo e Santi Martiri salernitani.

e7d4c0_adae639ceb3b45a49a442f89d986189f~mv2
e7d4c0_9c90b483f0ad4a9d90b2744fd4bbd62a~mv2

Teatro Verdi

Giardino della Minerva

Inaugurato nel 1872 con il Rigoletto di Giuseppe Verdi, è dotato di quattro ordini di palchi più un loggione. L’orchestra filarmonica del teatro è stata da sempre affidata a prestigiose direzioni, fra le altre, quelle di Daniel Oren, Donato Renzetti, David Garforth.

È un orto botanico dalla storia antichissima. Sorse nel XII secolo per merito della famiglia Silvatico. Attualmente ospita ben 277 specie di piante. È situato nella zona alta del centro storico, da cui è possibile ammirare la città da una posizione privilegiata.

e7d4c0_62a80e4c937e4193872f4004351b2451~mv2
e7d4c0_85191bf5ee1b4ff295cd641260639126~mv2

Villa Comunale

Lungomare di Salerno

Tranquillità, pace e riposo fra gli alberi e le siepi dello storico giardino della città. All’interno sono situate la prestigiosa fontana del Tullio e le statue dei patrioti Giovanni Nicotera, in bronzo, e Carlo Pisacane, in marmo.

È una delle passeggiate più suggestive d’Italia. Una camminata in cui si viene dolcemente cullati dall’odore del mare e dagli splendi scenari.

e7d4c0_8b9c8fc7520d46c58293143b8c382d32~mv2
e7d4c0_9b5b8e5d6180487f933921f4cc69843b~mv2

Costiera Amalfitana

Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano

Vietri sul Mare, da cui la Costiera Amalfitana inizia, dista solo 4,5 km. Da lì un itinerario di 30 km che si snoda fra mare, monti e panorami mozzafiato che conduce fino alla “perla” Positano.

Patrimonio Unesco dal 1997 grazie al suo mare, tra i più limpidi del Mediterraneo, i siti archeologici di importanza mondiale (Velia, Paestum, Certosa di Padula) e i suoi paesaggi eccezionali.

e7d4c0_2aa951f8d8da401eadbc6b24bd4f1062~mv2
e7d4c0_affa63ac660d4f9bac217c1c0fa5e5cb~mv2

Pompei

Paestum

I Templi di Paestum, risalenti al VII sec.a.C.-IX sec.d.C., sono uno dei siti archeologici più visitati del mondo. Un tuffo nella storia della Magna Graecia da non perdere.

Gli scavi di Pompei, che hanno portato alla luce la città seppellita dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.c., sono una fenomenale testimonianza dell’epoca romana. Suggerita la visita alla vicina Basilica della Beata Vergine del Rosario (1901).

e7d4c0_539325b155d64fa1a5ad2b422878b24d~mv2
e7d4c0_6df534b81a5f46f9a1c75002c59fa6be~mv2

Caserta

Napoli

Cultura (musei, chiese, palazzi, piazze, teatri), paesaggi (il Vesuvio, il mare, gli scorci da incanto) , gastronomia (pizza e non solo). Questo e tanto altro in una delle città più belle del mondo.

Offre la Reggia di Caserta, realizzata dagli architetti Luigi e Carlo Vanvitelli nel ‘700. Le sue magnificenze (il parco da 3km di lunghezza, gli affreschi, le 1200 stanze e 1742 finestre) sono un’attrattiva per circa 800mila visitatori all’anno. Consigliata anche una passeggiata nella città vecchia, borgo medievale che dal 1960 fa parte dei monumenti nazionali italiani.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder